mercoledì 13 aprile 2011

Gelmini pensa alle immissioni in ruolo - Tremonti a possibili nuovi tagli - Una bufera

Il MIUR ha da poco presentato un piano triennale di assunzioni che prevede 64.000 posti (35mila Ata e 29mila docenti) per il solo 2011. Ma dall'Economia arrivano messaggi di tempesta che prevedono nuovi tagli.

 Partiamo dal piano triennale, anticipato da Italia Oggi giorno 12 aprile a Pg. 33.

Secondo quanto riportato dall'articolo citato, il piano presentato dalla Gelmini prevederebbe una tranche di immissioni per l'anno 2011-12 pari a 35mila Ata e 29mila docenti, sebbene i posti disponibili per gli insegnanti sarebbero 39mila, ma bisogna considerare gli esuberi causati dai tagli.

Per il 2012/13 i posti disponibili sarebbero 25mila per i docenti e 7mila per bidelli e segretari. E se la tendenza dei pensionamenti sarà mantenuta, per il 2013/14 si supereranno le 100mila immissioni complessive.

Sembrava filare tutto liscio, quando ieri, il Ministro si è sfogata con gli uomini del suo dicastero. Si tratta di un lancio di agenzia attribuito all'AGI, pubblicato su "Giornalettismo" e sulla rassegna stampa della FLCGIL.

Oggi, infatti, Tremonti presenterà la Def, la Decisione di economia e finanza pubblica, e a quanto pare sono previsti ulteriori tagli alla scuola.

Il Ministro Gelmini, in serata, ha incontrato i funzionari del suo dicastero e, secondo quanto riportato dai cronisti che hanno assistito si è giustamente sfogata: "domani mattina io non ci sono, dovete dirlo voi. Dite a Tremonti che io annullo le immissioni in ruolo, su questo non ci vedo"

Secondo quanto riportato sugli articoli che vi abbiamo linkato, avrebbe assistito anche Valentina Aprea, presidente della commissione Cultura della Camera. La Gelmini avrebbe inoltre detto ai presenti "io non taglio nulla, se ne facciano una ragione. Piuttosto tagliate ai bidelli…"

Nessun commento:

Posta un commento