giovedì 11 febbraio 2016

Lello Petrarca Trio, Dodici Lune pubblica il nuovo album del jazzista casertano

Da lunedì 25 gennaio è in distribuzione in Italia e all'estero nel circuito IRD e nei migliori store digitali, Musical Stories del trio guidato dal pianista Lello Petrarca, prodotto dall'etichetta pugliese Dodicilune. Il musicista, compositore, polistrumentista ed arrangiatore è affiancato dal contrabbassista Vincenzo Faraldo e dal batterista Aldo Fucile.

Improvvisazione, interplay e musicalità sono gli elementi fondamentali di questo progetto, che basandosi sulla composizione originale ed essendo caratterizzato da una sonorità assolutamente acustica nell'uso tradizionale degli strumenti (pianoforte, contrabbasso, batteria), tocca momenti stilisticamente vari (jazz, pop e classica), sfociando in una sperimentazione sonora tale da immergersi in una sorta di enciclopedismo musicale. Altra nota caratterizzante è la rielaborazione di temi tratti dal repertorio della tradizione classica (Chopin, Debussy, Martucci).

 
«Lello Petrarca è un musicista poliedrico ed eclettico. La sua musica, pur attingendo dai più diversi stili e generi, ha una connotazione e una linea ben definita e riconoscibile», sottolinea Aldo Fucile nelle note di copertina. «In questo lavoro emerge dunque con forza la capacità di attingere e fondere con maestria e gusto la musica di differenti stili ed epoche. Qui sentiamo fondersi e amalgamarsi mirabilmente il Blues con la musica classica di Chopin e di Martucci, passando per i Beatles, per gli stornelli popolari e diversi brani originali. Il risultato di tale amalgama è una musica densa e intensa, con momenti ricchi di atmosfere rarefatte e di grande lirismo senza tuttavia rinunciare all'ironia e allo spirito solare e giocoso che contraddistingue molti momenti di questo lavoro. La musica di questo disco è dunque viva e toccante, caratterizzata da un linguaggio ricco, fluido e di estrema naturalezza che si esprime attraverso un costante dialogo di interplay con i suoi compagni di viaggio».


Alessandro Dorelli

Nessun commento:

Posta un commento