martedì 24 maggio 2016

DON BOSCO - IL MUSICAL: un sogno dentro un cortile...che si AVVERA!!!

A quasi un anno di distanza dalla prima teatrale, per i ragazzi della Compagnia "G. Tescione" di Casolla Caserta il sogno diventa realtà con il premio come "MIGLIORE COMPAGNIA".
"Un sogno dentro un cortile, Don Bosco – il musical" dopo aver partecipato alla rassegna teatrale "DON BOSCO E IL TEATRO" insieme ad altre 13 compagnie, presso il Cinemateatro Salesiano DON BOSCO di Caserta.
Dopo le numerose tappe sold-out in giro per la provincia ed oltre, i ragazzi dell'oratorio del piccolo borgo di Casolla di Caserta hanno coronato un sogno: Giacomo Giaquinto nei panni di Don Bosco, seguito da Anna Iannucci (mamma Margherita), Marco de Crescenzo (il cardinale), Francesco M.G Vozza (il segretario del cardinale), Tina Borzelleca (Suor Maria Mazzarello), Ada della Valle (la Madonna), Michele Landolfi (il Parroco), Francesco Papa ( il Maligno), Aniello Vanore ( Fanatico Bigotto), Antonietta Matrisciano (la suorina), Clorinda Brignola (la sartina), Serena Falvo (la posseduta) insieme ad un corpo di ballo " I Ragazzi del Cortile" composto da circa 20 elementi (Clorinda Brignola, Francesco Della Valle, Manuela Di Bernardo, Serena Falvo, Caterina Ferraiuolo, Adele Giaquinto, Mariagrazia Guida, Michele Landolfi, Antonietta Matrisciano, Annalisa Matrisciano, Lucia Matrisciano, Orsola Matrisciano, Francesco Papa, Ilaria Santangelo, Carmela Sorbo, Aniello A.Vanore e Francesco A.Vanore) guidato dalla coreografa Rita Ragozzino, saliranno nuovamente sul palco, durante la serata di gala, insieme al loro regista Don Fernando Latino, a ritirare quello che è un premio meritatissimo, guadagnato con "IL SUDORE E LA MENTE". Traguardo raggiunto anche grazie alle tante persone che hanno collaborato, dietro le quinte, per la realizzazione di tale spettacolo curato in ogni minimo particolare dai Costumi alla Scenografia e al trucco, ai Tecnici audio, luci e Service, foto, video e palco.
Ricevere un premio come "MIGLIORE COMPAGNIA", significa, per questo gruppo alle prime armi, essere riusciti a trasmettere la passione e l'amore profuso in questo progetto non privo di ostacoli e difficoltà. Tante le testimonianze, anche sui social network (#DBCasolla), di coloro che hanno assistito alle diverse performances (spesso introdotte da Pietro Fusco e Michele Auricchio nelle vesti di Rufo e Lorenzo e testi di Giuseppe Vozza) nelle quali, più di una volta, si percepiscono le vere emozioni trasmesse dal palco. Per questo vincere un tale premio, non può che fare onore a questi ragazzi che sono riusciti a realizzare, dal nulla, un sogno, e che tanto hanno imparato e, allo stesso tempo, insegnato a chi li ha seguiti: insieme e con amore tutto è possibile, nonostante le immancabili difficoltà.



Nessun commento:

Posta un commento