giovedì 26 maggio 2011

Slow Food Campania - L'Orto in Campania Centro Commerciale Campania

 

Guardia Sanframondi (Bn), 26 maggio 2011

L'Orto in Campania

Proseguono al Centro Commerciale Campania

le attività di Educazione del Gusto
condotte da Slow Food Campania

Iniziate ad aprile, proseguiranno fino a fine luglio le attività educative per bambini e ragazzi tra i 6 e i 12 anni attivate da Slow Food Campania presso il Centro Commerciale Campania di Marcianise (Ce).

L'occasione è fornita da L'Orto in Campania, il progetto di messa a coltivazione delle tipicità regionali ideato dal parco commerciale e allocato nei pressi dell'ingresso di piazza Campania. I laboratori, rivolti alle scuole e agli utenti del Centro, sono guidati dal Gruppo Educazione Slow Food Campania, coordinato da Giuseppe Orefice. L'obiettivo è quello di avvicinare i giovani visitatori alle tematiche di agricoltura sostenibile e consumo consapevole, mediante momenti ludico-didattici e attività pratiche.

Forte dell'esperienza dei Master of Food che da oltre un anno si svolgono presso il Centro commerciale e dopo i primi incontri con i ragazzi tenutisi nel corso del Ri-Festival Rifiuti Riciclati Rivivono dal 28 aprile al 1° maggio scorsi, Slow Food Campania affronta questo nuovo appuntamento con entusiasmo: «La collaborazione con il Centro Commerciale Campania – dichiara il Presidente, Gaetano Pascale – ci da la possibilità di costruire un percorso di conoscenza sulle dinamiche legate al mondo dal cibo, dalla territorialità delle produzioni alla stagionalità e al rispetto dell'ambiente. In questo senso si muovono i laboratori didattici  che stiamo realizzando e che costituiscono un'importante occasione per sensibilizzare tante persone verso un consumo più consapevole del cibo, partendo dai ragazzi delle scuole per arrivare a chi quotidianamente fa la spesa».

«L'Orto in Campania – secondo Fabio Santoro, direttore del Centro Commerciale – è un elemento fondamentale e simbolico del percorso che abbiamo avviato al Campania e che si basa su tre idee principali: la gestione razionale delle risorse, l'intrattenimento costruttivo e il dialogo tra impresa e mondo della formazione. Nel prossimo futuro, l'orto sarà alimentato con il compost prodotto dalla lavorazione degli scarti organici, opportunamente differenziati, dei nostri 25 bar e ristoranti, un segno concreto per sensibilizzare i visitatori e gli operatori del Centro sui temi della sostenibilità e  della raccolta differenziata. Ma l'orto è anche il luogo in cui accogliere le nuove generazioni per costruire con esse un percorso didattico dedicato alla sana alimentazione,  ai saperi del mondo agricolo, alla stagionalità in tavola e alle sapienze delle tradizioni locali. Infine, l'orto stesso è il risultato del lavoro di 11 studenti, futuri agronomi e architetti, che in questo progetto hanno messo alla prova le loro conoscenze e aspirazioni professionali».

«I percorsi didattici de L'Orto in Campania – spiega il responsabile del Gruppo Educazione Slow Food Campania, Giuseppe Orefice – sono stati progettati da agronomi e tecnologi alimentari di Slow Food Campania e coinvolgono attraverso l' "imparare facendo" i più piccoli in diverse attività. Alla base del modo di fare educazione in Slow Food c'è la creazione di una comunità dell'apprendimento. Nel caso de L'Orto in Campania già la progettazione e la realizzazione dell'Orto sono stati fondamentali per la creazione di questa comunità, in quanto gli esperti dell'associazione si sono da subito confrontati con i giovani tecnici e con tutti i soggetti coinvolti nel progetto. Relativamente ai due percorsi didattici programmati, il primo riguarda l'agricoltura e i metodi di produzione del cibo rispettosi dell'ambiente e della biodiversità, rispettosi delle comunità locali capaci di consegnare alle generazioni di domani un pianeta più ricco. Il secondo tratta invece il tema del consumo consapevole e ha l'obiettivo di sensibilizzare gli studenti e i bimbi che vi partecipano sulla necessità di acquistare prodotti che riducano al minimo i danni all'ambiente. Pensiamo che attraverso l'esperienza diretta in un orto si possa sviluppare nei giovani co-produttori consapevolezza di sé, del proprio ruolo e del proprio agire e che questo sia fondamentale per promuovere cambiamenti, generando pensieri e comportamenti nuovi e più responsabili».

Le scuole che hanno già segnalato la propria adesione al progetto e che stanno svolgendo le attività de L'Orto in Campania sono tutte di Marcianise e sono: Scuola Primaria Calcara, Scuola Primaria I Circolo, Scuola Primaria II Circolo, Scuola Primaria III Circolo, Scuola Secondaria di primo grado Cavour, Scuola Secondaria di primo grado Bosco, Scuola Secondaria di primo grado Moro.

I laboratori rivolti ai consumatori, della durata di un'ora, si svolgono invece ogni sabato alle ore 13,00 e alle ore 15,00 e la domenica alle ore 11,00, alle 13,00 e alle 15,00. La partecipazione è gratuita, ma è richiesta la prenotazione, effettuabile presso il desk Campania Information in piazza Campania.

Per ulteriori informazioni, è possibile consultare i siti web www.campania.com e www.slowfoodcampania.com

 

 

Nessun commento:

Posta un commento