venerdì 6 novembre 2015

Caserta solidarizza con il PM Nino Di Matteo. Manifestazione nazionale sabato 14 novembre 2015


"Un silenzio complice – afferma Salvatore Borsellino, fratello di Paolo, promotore del Movimento delle Agende Rosse - sta determinando l'isolamento istituzionale del PM più esposto e minacciato d'Italia solo perché titolare delle indagini nel processo sulla trattativa stato-mafia in corso Palermo.
Diversi collaboratori di giustizia (Vito Galatolo, Antonio Zarcone e Carmelo D'Amico) hanno riferito dell'esistenza di un progetto di attentato nei confronti del Giudice Di Matteo e, alcuni di loro, hanno addirittura riferito di un grosso quantitativo di tritolo già pervenuto nel capoluogo siciliano, pronto per essere usato. 
In tale contesto le Istituzioni hanno taciuto qualunque parola di sostegno nei confronti del dottor Nino Di Matteo. 
Gli stessi organi di informazione, tranne poche eccezioni, non hanno mai speso una sola parola o mandato in onda alcun servizio televisivo sui rischi che il Giudice Di Matteo e i ragazzi della sua scorta debbono affrontare ogni giorno." 
Per questo motivo il Movimento delle Agende Rosse e la Scorta civica di Palermo hanno convocato a Roma – Sabato 14 novembre 2015 – una Manifestazione nazionale dei Cittadini partecipi alle iniziative delle Associazioni dell'Impegno politico e civile in difesa della Costituzione e contro le mafie.
"Abbiamo accolto il drammatico Appello di Salvatore Borsellino – sottolinea Mimmo Marzaioli attivista referente delle Agende Rosse – per denunciare l'ostracismo di ampi settori della politica e pretendere dalle Istituzioni di "rompere il silenzio" sui gravissimi rischi che corrono il PM Nino Di Matteo e gli uomini della sua scorta". 
Anche da Caserta e Provincia una forte delegazione di Cittadini parteciperà alla manifestazione che prevede il raduno alle ore 11 al Largo Corrado Ricci, il corteo per le strade del centro storico e la conclusione in Piazza Santi Apostoli durante la quale si avvicenderanno gli interventi e le testimonianze di personalità del mondo della cultura, dello spettacolo, del giornalismo e di rappresentanti delle Associazioni dell'antimafia e dell'impegno politico e civile come pure di cittadini impegnati individualmente in questa battaglia contro l'indifferenza. 
Concluderà la manifestazione Salvatore Borsellino.
Allo scopo è stato organizzato un pulman - con partenza alle ore 6,45 dalla stazione ferroviaria di Caserta proveniente dalla zona aversana e fermate a S. Maria C.V. e Caianiello scalo, per raggiungere Roma Cinecittà alle ore 10. 
Nel corso della Manifestazione saranno tassativamente vietati l'uso di loghi, simboli e riferimenti a partiti o singoli politici. 
"Il grido di sostegno al Giudice Di Matteo dovrà arrivare dal cuore dei cittadini, a prescindere dalle loro convinzioni politiche – conclude Salvatore Borsellino – perciò invitiamo a partecipare numerosi e a donare a questa causa la vostra passione, il vostro spirito civile e la sete di verità e di giustizia che ha contraddistinto il percorso lavorativo del Giudice Di Matteo". 

Domenico Marzaioli 
Attivista del Movimento delle Agende Rosse 
Caserta, 5 novembre 2015

Nessun commento:

Posta un commento